carabinieri e Municipale

Palermo, furbetti del cartellino: 18 indagati

Palermo, furbetti del cartellino: 18 indagati
Si tratta dei dipendenti di società partecipate del Comune

"Furbetti del cartellino" a Palermo. I carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo e la Polizia Municipale hanno eseguito un'ordinanza di applicazione della misura dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per 18 dipendenti comunali delle società partecipate del Comune Reset e Coime, accusati di falsa attestazione di presenza in servizio e truffa ai danni dell'amministrazione.
L'indagine, coordinata dalla procura, è iniziata dopo alcune segnalazioni anonime. I militari hanno scoperto che gli impiegati finiti sotto inchiesta timbravano per altri colleghi per fingerne la presenza in servizio o consentire loro di assentarsi durante il lavoro. Nel corso di 5 mesi d'indagine, i militari hanno documentato quasi 2.000 "timbrature sospette", di cui 240 sviluppate e contestate.
Gli agenti della polizia municipale hanno indagato invece su un gruppo di dipendenti comunali addetti ai servizi di assistenza ai funerali e impiegati, dunque, prevalentemente in mansioni esterne. Spesso, piuttosto che assolvere i loro compiti di assistenza, stavano in giro per la città per sbrigare cose personali o rientravano in ufficio in anticipo rispetto all'orario previsto

Categoria: