guardia di finanza

Solarino, misura di prevenzione patrimoniale per un 52enne: sequestri per 300.000 euro

Solarino, misura di prevenzione patrimoniale per un 52enne: sequestri per 300.000 euro
Il provvedimento riguarda un appartamento, un’autovettura di grossa cilindrata e rapporti bancari e finanziari

Beni mobili e immobili per un valore di complessivi 300.000 euro posti sotto sequestro dalla Guardia di Finanza di Siracusa su richiesta della Procura distrettuale - Sezione Misure di Prevenzione, a carico di Massimo Calafiore, 52 anni di Solarino.
Il provvedimento riguarda un appartamento, un’autovettura di grossa cilindrata e rapporti bancari e finanziari e arriva al termine di lunghe indagini "che - si legge nel comunicato delle Fiamme Gialle - hanno evidenziato una sproporzione tra le risultanze reddituali e il complesso patrimoniale riconducibile a anche attraverso la formale intestazione ai rispettivi familiari per il periodo che va dal 2000 al 2018". In pratica sono stati riscontrati l'incapacità del nucleo familiare di far fronte ad impegni economici assunti e i redditi dichiarati, ritenuti insufficienti a giustificare determinati acquisti che dimostrerebbero un tenore di vita elevato rispetto alle possibilità.
I militari, inoltre, fanno riferimento all’appartenenza dell'uomo alla criminalità organizzata aretusea con due condanne diventate definitive: la prima per associazione mafiosa, per aver fatto parte del clan diretto da Sebastiano Nardo e Antonio Aparo dal 1988 al 1996; la seconda per associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Calafiore è attualmente in carcere perché coinvolto a luglio 2020 nell’operazione “San Paolo”, eseguita dai Carabinieri.

L’attività investigativa si è avvalsa dei più moderni sistemi informatici di ausilio alle investigazioni patrimoniali quali il software “Molecola” e la “Dorsale Informatica”.

Categoria: