Made in Italy

I consumatori italiani scelgono la pasta made in Italy

I consumatori italiani scelgono la pasta made in Italy
Tutti sanno che gli italiani sono grandi amanti della pasta e non lo dicono soltanto i luoghi comuni, ma anche i numeri. Stando alle ricerche ufficiali, infatti, al mondo non esistono popoli o nazioni in grado di competere con le famiglie tricolori da questo punto di vista. Tanto che nella Penisola si consumano circa 23 chili di pasta pro capite ogni anno. Un trend che non accenna a fermarsi e che cambia in base al periodo storico e ai gusti delle persone. Per fare un esempio concreto, durante il lockdown è schizzata alle stelle la tendenza della pasta fatta in casa, per ragioni piuttosto ovvie. Ora invece si assiste a un altro vero e proprio boom, quello della pasta prodotta con grano 100% italiano, che sta conquistando un numero sempre maggiore di consumatori.
 
I numeri del boom della pasta 100% italiana
 
Ci pensa la Coldiretti a dare conferma di quanto anticipato poco sopra: agli italiani piace la pasta prodotta nella penisola. Ciò è evidente dal boom dei consumi di pasta prodotta con grano italiano che registra una crescita del 29% rispetto al medesimo periodo dello scorso anno. Quali sono le ragioni che hanno spinto le famiglie della Penisola verso questa tendenza? Stando agli esperti, i motivi sono sostanzialmente due: da un lato si tendono a scegliere dei prodotti certificati e dunque più sani, dall’altro lato si preferisce la pasta italiana per sostenere l’economia nazionale.

 I formati di pasta che vanno per la maggiore

 
Naturalmente la pasta non è tutta uguale, perché i gusti cambiano da territorio a territorio, e ogni regione ha i propri formati preferiti. Ci sono però alcuni must intramontabili che vanno incontro ai desideri dell’Italia intera, come nel caso degli spaghetti che conquistano il podio nelle diverse classifiche dei principali pastifici italiani. La pasta lunga per eccellenza è poi seguita a ruota dalle penne rigate, un altro formato classico da sempre molto amato e proposto da pastifici come La Molisana anche nella variante delle pennette, dal diametro leggermente più stretto e per questo in grado di tenere benissimo la cottura. A seguire ecco poi altri tipi di pasta molto popolari come i fusilli, i rigatoni, gli spaghettoni, le mezze penne rigate, i vermicelli e le mezze maniche. La classifica include anche altri evergreen come i paccheri e ovviamente i maccheroni e gli spaghetti quadrati. Dalla classifica si nota la presenza di diversi formati rigati, per un motivo molto semplice da spiegare: gli italiani amano anche i sughi e queste tipologie di pasta sono le più indicate, in quanto la rigatura consente al formato di assorbire meglio i condimenti.
 
Concludendo, la pasta è un alimento che almeno in Italia non tramonterà mai, dato che fa parte delle nostre tradizioni e del retroterra culturale della Penisola. Oggi la preferenza viene poi accordata soprattutto ai prodotti nazionali e a certi formati che da sempre hanno conquistato il palato degli italiani.