"Giustizia sospesa"

Siracusa, manifestazione degli avvocati: "Si riapra il tribunale e si metta fine al rinvio sistematico delle udienze". VIDEOINTERVISTA

Oggi l'incontro di Favi con il presidente del tribunale al quale sottoporre, dopo tante segnalazioni, anche soluzioni da condividere

"La misura è colma" con queste parole il presidente dell'Ordine degli avvocati di Siracusa, Francesco Favi, ha dati il via alla manifestazione "Giustizia sospesa" indetta per protestare contro le criticità che, seppur in fase 2 dell'emergenza coronavirus, continuano a caratterizzare l'attività degli avvocati.
"Mentre per il turismo si parla di ripartenza e di riaperture dei confini regionali - afferma Favi - per la giustizia non è cambiato nulla. Continuano ad esserci problemi per l'accesso al tribunale e a ciò si aggiunge il rinvio sistematico delle udienze, negando in questo modo, ai cittadini che noi rappresentiamo, l'accesso alla giustizia.

Non vogliamo essere le vittime sacrificali di un sistema che non funziona" - ha detto senza peli sulla lingua Favi che ha chiamato in causa in tutto ciò il ministro della giustizia Bonafede, ritenuto "ostaggio della burocrazia" e per il cui operato il presidente dell'Ordine ha chiesto le dimissioni.
Oggi l'incontro di Favi con il presidente del tribunale al quale sottoporre, dopo tante segnalazioni, anche soluzioni da condividere.

Categoria:




Pubblicità