a palermo

Siracusa, Teatro Greco: nodo rinnovo concessione Inda in commissione Ars, prossima riunione con Musumeci

Siracusa, Teatro Greco: rinnovo concessione Inda in commissione Ars, prossima riunione con Musumeci
A darne notizie è l’On. Giovanni Cafeo, Segretario della III Commissione ARS Attività Produttive e promotore dell’audizione.

Ancora ingarbugliata la vicenda della convenzione alla Fondazione Inda per la stagione teatrale al Teatro Greco di Siracusa. Questo l'oggetto della discussione nella V commissione Ars che si è tenuta martedì scorso a Palermo, realizzata grazie al contributo dell'onorevole Giovanni Cafeo, Segretario della III Commissione ARS Attività Produttive e promotore dell’audizione.
Il precedente accordo prevedeva il versamento da parte della fondazione Inda di 50 mila euro e di 0,50 centesimi per ogni biglietto venuto. Invece, la nuova bozza ha previsto la quota “una tantum” a 150 mila euro, più un incremento della percentuale sullo sbigliettamento.
"Oggi il presidente Musumeci, titolare ad interim della delega che fu di Tusa, quasi non sembra volersi interessare all’argomento, dando l’impressione di voler snobbare una delle manifestazioni culturali siciliane più viste al mondo" - accusa Cafeo, il quale mette a paragone i due punti di vista delle parti coinvolte, a suo dire non troppo distanti.

"Inda e Parco Archeologico di Siracusa non possono considerarsi avulsi l’uno dall’altro ma, al contrario, devono ragionare ed immaginare una visione futura di stretta e proficua collaborazione - dice Cafeo - Verso il direttore del Parco Calogero Rizzuto c’è piena fiducia, visto che l’obiettivo della convocazione in commissione non è certamente sollevare accuse ma al contrario provare a risolvere problemi che altrimenti danneggerebbero l’intero territorio; La stessa fiducia è riposta nel lavoro dei vertici dell’Inda che, essendo una fondazione a partecipazione pubblica senza fini di lucro si ritroverebbe, in caso di mancato accordo, ad essere l’unico ente italiano a pagare per espletare le funzioni statutarie, legate alla promozione sociale, artistica, culturale e formativa; Il mancato interesse dell’assessore ai Beni Culturali ad interim, il presidente Musumeci, rischia di danneggiare seriamente l’attività dell’Inda che dal 1994 ad oggi, lo ricordiamo, ha già visto ridursi di oltre un terzo i contributi regionali, passati da 1,5 milioni di euro a 500 mila euro."

“Al termine dell’audizione – conclude l’On. Cafeo – è stato raggiunto l’obiettivo di fissare finalmente una riunione a tre con il direttore del Parco Archeologico Calogero Rizzuto, i vertici dell’Inda e il Presidente Musumeci, per provare a mettere fine ad una vicenda che rischia di danneggiare tutti, in primis proprio la città di Siracusa e i suoi operatori economici”.

Categoria:



Pubblicità