ars

Siracusa, Cafeo su Libero Consorzio: "Occorre un’assunzione di responsabilità"

Siracusa, Cafeo su Libero Consorzio: "Occorre un’assunzione di responsabilità"
Cafeo interviene anche sulla sorte del Bartolo "gradita un po’ di serietà"

Vendere le quote SAC di proprietà della ex Provincia di Siracusa per fare cassa. Sarebbe questa l'ipotesi ventilata dal Governo regionale a seguito delle polemiche sulla spartizione dei fondi regionali ai Liberi consorzi di cui a Siracusa arriverà 1,2 milioni di euro.
"L’ipotesi - dice il deputato regionale del Pd Giovanni Cafeo - sembrerebbe quasi una sorta di invito a nozze per un ipotetico acquirente già predisposto all’operazione. Se il Governo a forte trazione catanese ha dunque l’intenzione di far svendere le quote dell’aeroporto a qualcuno, giochi a carte scoperte e ci dica chi è il compratore".
E poi Cafeo annuncia massima collaborazione nella proposta di una legge speciale per "caso" Siracusa.

Inoltre, il deputato regionale interviene sulla vicenda dell’Istituto Bartolo di Pachino, a rischio sfratto.“In particolare l’ipotesi sul tavolo nelle disponibilità dell’Assemblea Regionale Siciliana è una – illustra Cafeo – e cioè uno specifico articolo della prossima finanziaria, destinato però a sanare le pendenze con tutte le scuole del territorio, con un impegno che supera abbondantemente il milione di euro (circa 1,3 per la precisione)”.

“Ricordo infine – conclude Cafeo – che nella riunione in Prefettura di ieri si è conclamata la situazione drammatica riguardante l’Istituto Bartolo di Pachino; di fronte allo sfratto esecutivo ormai prossimo, è stato richiesto al privato proprietario dell’immobile un’ulteriore attesa, visto l’impegno che la politica si è assunta per risolvere non solo la questione in oggetto ma tutte le pendenze riguardanti gli istituti scolastici superiori della provincia. Nella speranza che il proprietario conceda questo ulteriore lasso di tempo, auspico che la politica, a prescindere dal colore, faccia finalmente squadra per il proprio territorio”.

Categoria:



Pubblicità