Sanità

Siracusa, confronto su responsabilità professionale con Bianco

Siracusa, confronto su responsabilità professionale con Bianco

Un convegno sulla nuova legge sulla responsabilità professionale medica, che ha eliminato la responsabilità contrattuale dei medici del Servizio sanitario nazionale, regolamentando l’intero sistema si è tenuto a Siracusa alla presenza del relatore della legge il senatore Amedeo Bianco e della presidente nazionale della Federazione degli Ordini dei Medici Italiani, Roberta Chersevani.
"Questa norma - ha affermato il commissario dell'Asp di Siracusa, Salvatore Brugaletta - riporta al centro il cittadino con i suoi diritti di tutela, di sicurezza e di controllo del rischio clinico, in una logica in cui tutti devono essere tutelati, sia il paziente che il professionista. Uno degli aspetti importanti – ha aggiunto - è quello della formazione, tutelante per il professionista che è in grado di giocare la sua partita conoscendo procedure e linee guida che danno sicurezza al paziente”.
“E’ una legge – ha detto il suo relatore, il senatore Amedeo Bianco - che ha profondissime radici nella ricerca, nel pensiero, nella elaborazione e nello sforzo di diversi parlamentari, che era necessaria poiché il sistema non era equilibrato. Abbiamo trovato un diverso equilibrio intervenendo anche su alcune norme del Codice Civile e del Codice Penale ridando certezze a tutti, tanto ai medici quanto ai cittadini”.
I vari aspetti della nuova normativa sono stati posti a confronto con il precedente sistema dagli interventi di Orazio Cascio docente di Medicina Legale dell’Università di Catania, Francesco Favi presidente del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Siracusa e dalla presidente della Sezione penale del Tribunale di Siracusa Giuseppina Storaci.
Anselmo Madeddu ha annunciato, nel corso del convegno, l’istituzione di un nuovo Premio scientifico intitolato al professore Giuseppe Testaferrata, primo direttore sanitario dell’Ospedale Umberto I agli inizi del ‘900 e primo presidente dell’Ordine dei Medici di Siracusa. Al premio, il cui bando scadrà il prossimo 15 settembre, potranno partecipare tutti i giovani medici laureati nel corso degli anni 2016-17. Saranno premiate le tesi universitarie più originali e innovative nel corso di una serata di gala che si terrà il prossimo 13 ottobre al Teatro Comunale di Ortigia, alla presenza del magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Catania.