ciclismo

Il Giro di Sicilia parte da Siracusa, si scaldano i motori: all'Urban center il quartier generale

Il Giro di Sicilia parte da Siracusa, si scaldano i motori: all'Urban center il quartier generale
La tappa è di 194 chilometri, fino a Licata passando per Cassibile ed Avola, con un traguardo volante a Gela
-->

Parte da Siracusa, giorno 1 aprile, il Giro di Sicilia, la corsa a tappe organizzata dalla Rcs Sport. A partire dal 31 marzo sarà operativo il quartier generale all'Urban Center, dove si svolgeranno tutte le fasi accreditamento e di iscrizione delle squadre.
I corridori inizieranno a muoversi da piazza Duomo alle 11,35; percorreranno corso Matteotti e corso Umberto per poi imboccare via Elorina dove, alle 11,45, all'incrocio con via Columba, inizierà la gara vera e propria. La tappa è di 194 chilometri, fino a Licata passando per Cassibile ed Avola, con un traguardo volante a Gela. Fino ad oggi si sono iscritti 15 squadre del World Tour, quindi le più quotate.
La festa sportiva è stata presentata questa mattina in sede di conferenza stampa alla quale erano presenti il sindaco, Francesco Italia, gli assessori allo Sport e alla Viabilità, Andrea Buccheri e Maura Fontana, e il comandante della Polizia municipale, Enzo Miccoli.

"Siracusa – ha detto il sindaco Italia – sarà la migliore cartolina possibile per il Giro ma ci aspettiamo pure un importante ritorno di immagine così com'è avvenuto per gli altri eventi sportivi che abbiamo ospitato negli ultimi anni, a partire dai Mondiali di canoa polo. Sappiamo che sarà molto partecipato, ma la nostra città si metterà a disposizione per accogliere turisti e appassionati e per ridurre il più possibile i disagi alla mobilità e alla viabilità cittadina".
Si dice tranquillo, per eventuali disagi e livelli di sicurezza, il comandante della Polizia municipale. “La macchina è già avviata – afferma – e sappiamo di potere contare sulla collaborazione delle altre forze di polizia. Il gruppo percorrerà in città un tragitto di appena 2 chilometri e 800 metri e pensiamo di ripetere lo stesso schema di altri eventi ben più lunghi e partecipati come la festa di santa Lucia”.

Categoria:


Pubblicità