noi albergatori

Siracusa, ripresa dei flussi turistici tra settembre e novembre

Siracusa, ripresa dei flussi turistici tra settembre e novembre
Molti albergatori hanno deciso di mantenere le strutture ricettive aperte almeno fino ai primi di gennaio 2020

Numeri in rialzo per i flussi turistici nei mesi di settembre, ottobre e parte di novembre, dopo una tiepida estate. A dirlo è Giuseppe Rosano, recentemente rieletto all’unanimità presidente dell’associazione “Noi albergatori Siracusa”, il quale avanza l'idea di proporre itinerari al di fuori dell'isola di Ortigia.
Al momento però c'è soddisfazione per i buoni risultati, tanto che "molti albergatori hanno deciso di mantenere le strutture ricettive aperte almeno fino ai primi di gennaio 2020, in controtendenza con Taormina dove oltre l’80% degli alberghi ha chiuso i battenti" - dice Rosano.
Al termine della stagione turistica "è quanto mai opportuno per la collettività siracusana che opera nel settore turistico interrogarsi e avviare una seria autoanalisi – ammette Rosano - Ci sono dei fattori esterni i quali esulano dalle nostre possibilità d’intervento, e mi riferisco in particolare all’incontrollato aumento dei biglietti aerei da e per la Sicilia, che vanifica le offerte di soggiorno a prezzi scontati proposte dai nostri alberghi sul mercato del Nord-Italia; l’attesa infinita per la realizzazione dell’autostrada Siracusa-Gela, che agevolerebbe il flusso turistico da e per l’aeroporto di Comiso, sul quale diverse compagnie aeree applicano tariffe ridotte rispetto a Catania. Poi abbiamo le problematiche interne sulle quali gli operatori turistici in sinergia con l’amministrazione comunale devono attivarsi affinché la stagione 2020 possa partire col piede giusto".

Categoria: