domenica

Siracusa, ancora una raccolta fondi per la piccola Giulia

Siracusa, ancora una raccolta fondi per la piccola Giulia
Al bar Garden del Villaggio Miano, per l'intera giornata l'incasso dei caffé, al costo di 2 euro ciascuno, sarà devoluto per l'iniziativa di solidarietà

Sotto riportate le coordinate per ulteriori donazioni 

Domenica 1 dicembre nuova iniziativa di solidarietà per raccogliere fondi per la piccola Giulia. Al Garden Café del Villaggio Miano, per l'intera giornata l'incasso dei caffé, al costo di 2 euro ciascuno, sarà devoluto alla mamma di Giulia per consentirle di affrontare tutte le esigenze del caso. 
Questa la storia di Giulia così come la racconta la sua mamma Valentina:
Ciao a tutti lei è Giulia una bambina Siracusana partita 12 mesi fa'dal policlinico di oncologia pediatrica di Catania.. Giulia purtroppo nel novembre del 2018 si ammala, accusa diversi dolori in svariati punti dei muscoli delle gambe e delle braccia poi  un improvviso dolore all' addome. Da li'.. fu' portata al policlinico catanese. In ospedale fecero svariati esami è da un tac si accorsero di qualcosa di anomalo nel suo addome.
Un duro colpo mi arrivo' senza nessun avviso. I medici mi chiamarono per dirmi che la bambina aveva un tumore. Io sono la sua mamma e non vi nego che mi è crollato il mondo addosso. Era il 24 dicembre, la vigilia di natale fu il giorno più brutto della nostra vita. Giulia qualche giorno dopo fa' una biopsia entra in sala operatoria perche' i medici dovevano capire che tipo di tumore aveva. Giulia esce dalla sala operatoria 5 ore dopo addormentata ma dolente gli avevo gia'messo un catetere venoso per la chemioterapia. Il 31 dicembre mattina Giulia era pronta. Per iniziare la chemio.. Nei giorni seguenti arrivano anche i risultati dell' istologia. È questo fu'il colpo piu grande per me. Giulia aveva un Neuroblastoma.  Riprendermi dalla notizia non è stato facile i medici mi dissero inoltre che la bimba aveva metastasi ossee e il neuroblastoma aveva preso pure il midollo. Mi fu detto che mia figlia aveva il 30%di possibilita di vivere. Da li non persi tempo contattai il Gaslini e portai la bambina a Genova nel miglior centro in italia che cura la sua tipologia di tumore.Giulia inizia le cure al Gaslini ma dopo 10 cicli di chemioterapia molto forte, il tumore regredisce ma le sue metastasi diffuse no. I dottori mi convocano per un nuovo piano terapeutico chiamato veritas che comprende 3 cicli chiamati temiri e la raccolta delle sue staminali per un doppio trapianto con mibg. La mibg o guanidina terspeutica. Giulia inizia il nuovo piano terapeutico ma dopo 3 cicli ad una rivalutazione i medici mi comunicano ancora una volta che Giulia non ha risposto bene e che le metastasi sono aumentate.
Giulia fa un ciclo di chemio  chiamato ice che è necessario per la raccolta delle sue staminali. Infatti ci riusciamo e i primi di settembre Giulia viene portara al padiglione Dea per iniziare il primo autotrapianto. Siamo arrivati a ottobre 2019. È passato quasi un anno ma Giulia non si arrende supera il primo autotrapianto e finalmente ritorna in sicilia da i suoi affetti.  Siamo partite e ritornate a Genova da poco ma Giulia è stata tal.ente bene nella sua amata città che ha gia superato la ripresa dalla terapia mibg e sta per affrontare il suo 2 autotrapianto di cellule staminali... E si' cari amici che ci avete sostenuto sino ad oggi,Giulia è dinuovo al trapianto piu forte e tenace di prima. Chiedo una preghiera per questa piccola guerriera. Io sono la sua mamma e non posso immaginare la mia vita senza di lei. Lei che ha dimostrato tanto con il suo sorriso e la sua forza. Affrontando questa battaglia come un adulto e invece ha solo 8 anni.. Chiunque volesse aiutarci nelle spese economiche essendo lontano dalla nostra città puo farlo tramite il numero di coordinate post pay qui sotto indicato sia per ricarica o bonifico bancario.Un piccolo gesto per noi può fare tanto. Grazie per la solidarietà è l affetto che ogni giorno ci date.
La mamma Valentina Casto
Sotto riportate le coordinate per ulteriori donazioni 

Categoria: