Da oggi

Siracusa, riapre al pubblico l'Ipogeo di Piazza Duomo: per il momento il venerdì e il sabato mattina

Siracusa, riaprono al pubblico l'Ipogeo di Piazza Duomo: per il momento il venerdì e il sabato mattina
Sono stati effettuati interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria che hanno riguardato gli impianti di deumidificazione

L'Ipogeo di Piazza Duomo da oggi torna ad essere fruibili per i visitatori.
Si tratta dell'antico percorso sotterraneo che, tramite gallerie, si dirama in diverse direzioni dall’ingresso principale adiacente l’Arcivescovado. Venne utilizzato durante la II Guerra mondiale dalla popolazione come rifugio durante i bombardamenti aerei. Si trova, infatti, ad una profondità di 17,50 metri.
E' stato chiuso un anno fa e nell'ultimo mese sono stati effettuati lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, che hanno riguardato gli impianti di deumidificazione, grazie al finanziamento di 20.000 erogati dal Dipartimento regionale dei Beni Culturali.
Il primo grande intervento che portò alla riapertura risale al 2006 quando furono spesi quasi 3 milioni di euro per gli interventi di messa in sicurezza per rendere frubili dei luoghi che raccontano la storia dei siracusani duranti la seconda mondiale.
Alle pareti, infatti, sono state posizionate gigantografie di foto dell'epoca. Una voce narrante accompagna i visitatori e descrive gli Ipogei oltre a raccontare gli eventi storici dell'epoca. Per il momento solo in italiano. A breve sarà possibile ascoltare anche la versione in inglese e in francese.
In questa tornata di interventi è stata sistemata anche la porta d'ingresso della Marina, da dove possono accedere i disabili.
Il sito è gestito direttamente dalla Soprintendenza e, per il momento sarà aperto solo il venerdì e il sabato mattina o su prenotazione. L'obiettivo è allargare la possibilità di fruizione anche nei festivi e durante la settimana. Altrettanto importante è il passaggio definitivo degli Ipogei alla disponibilità del patrimonio indisponibile della Regione Siciliana.

Categoria: