all'urban center

Siracusa, quarto tavolo d'ascolto su Talete, Targia e Piano paesaggistico

Siracusa, quarto tavolo d'ascolto su Talete, Targia e Piano paesaggistico
Il 13 novembre è previsto un incontro dei tecnici dell’Ufficio urbanistica del Comune con il direttore del Parco archeologico

Ieri, all'Urban center, quarto appuntamento del Tavolo dell’ascolto e della partecipazione istituito dall’assessore comunale Maura Fontana.
Tre gli argomenti all'ordine del giorno: la riqualificazione di Parcheggio Talete; gli interventi su Targia e lo status dell’iter di armonizzazione del Prg col Piano paesaggistico e col Parco Archeologico.
Sulla riqualificazione parcheggio Talete l’assessore Fontana ha informato che ad oggi è stato speso appena un quinto, ovvero 107 mila euro, delle risorse provenienti dalla proprietà Russotti a beneficio della riqualificazione del Talete. L’assessore è in attesa della nomina di un nuovo responsabile del procedimento per proseguire l’attività. Ha aggiunto che comunque, anche nell’ambito delle risorse destinate all’avviso di “democrazia partecipata”, potrebbero essere individuati degli interventi a beneficio della riqualificazione del parcheggio.
Sulla viabilità a Targia l’assessorato ha informato che negli ultimi mesi sono stati realizzati numerosi interventi di messa in sicurezza e di miglioramento della circolazione stradale per circa 180 mila euro, suddivisi tra il rifacimento del manto stradale, l’installazione di indicatori luminosi di velocità, segnaletica orizzontale e verticale e, infine, la posa di deflego in gomma, quest’ultima ancora in corso di esecuzione. Negli ultimi due giorni, il settore ha approfondito la questione relativa alla possibilità di ampliamento della strada che è di otto metri e sessanta e non consente, in caso di realizzazione di spartitraffico, di garantire il passaggio previsto per il mezzo di emergenza. L’Ance ha suggerito il coinvolgimento delle attività di impresa poste lungo la strada per il miglioramento della sicurezza della strada.
Riguardo l'armonizzazione di Piano paesaggistico e Parco archeologico, l’amministrazione comunale ha dato disposizione al dirigente di settore di sovrapporre Piano paesaggistico e Parco archeologico al Prg. L’architetto Tino Navarra ha esposto le criticità inerenti alcuni aspetti non coerenti tra le tutele previste dal Piano paesaggistico, che individua quattro livelli di tutela, e quelle previste dal Parco archeologico. Sul tema del rapporto tra Piano paesaggistico e Parco archeologico, la Basile ha comunque chiarito che in caso di contrapposizione prevale il secondo. L’assessore Maura Fontana ha fatto presente che il prossimo 13 novembre è previsto un incontro dei tecnici dell’Ufficio urbanistica del Comune con il direttore del Parco archeologico e che al successivo appuntamento del Tavolo dell’ascolto, il 20 novembre, il direttore sarà invitato a partecipare.

Categoria: