a rischio sfratto

Pachino, fondi all'istituto Bartolo: Cafeo "nessun nuovo stanziamento"

Pachino, fondi al Bartolo: Cafeo "nessun nuovo stanziamento"
Cafeo smentisce l'assessore Grasso che annunciava fondi per il Libero consorzio

"Soddisfatto sí, ma non bisogna assolutamente abbassare la guardia". Commenta così commenta la notizia dei fondi regionali Antonio Boschetti, dirigente dell'Istituto "Bartolo" di Pachino, scuola che rischia lo sfratto, a seguito del mancato pagamento dell'affitto ai proprietari dell'immobile da parte dell'ex Provincia di Siracusa, gravato da dissesto finanziario.
"Il decreto firmato ieri rappresenta un primo significativo e fondamentale passo che permetterà ad alunni, docenti e personale di riprendere le attività didattiche. Una boccata di ossigeno" - continua Boschetti.
A calare l'entusiasmo è l’On. Giovanni Cafeo, Segretario della III Commissione ARS Attività Produttive, il quale smentisce la notizia data ieri dall’assessore alle Autonomie locali e alla Funzione pubblica, Bernardette Grasso, la quale annunciava, proprio ieri, lo stanziamento 1,2 milioni di euro a garanzia del diritto allo studio.

“Il finanziamento annunciato – spiega l’On. Cafeo – altro non è che quello derivante dall’atto di clemenza della Città Metropolitana di Messina che aveva destinato l’eccedenza del suo stanziamento, pari appunto a 1,2 milioni di euro, al Libero Consorzio di Siracusa. Oggi, l’unica novità sta nella diversa destinazione delle somme, la cui priorità viene adesso spostata per coprire 'le spese necessarie ad assicurare il diritto allo studio'. Togliere risorse agli stipendi dei dipendenti per tamponare i debiti degli istituti superiori non è certo la soluzione che il territorio auspicava – prosegue Cafeo – ma si tratta più che altro una sorta di contentino mediatico, per sperare di tirare a campare prolungando l’agonia degli istituti superiori siracusani, nonché dello stesso Libero Consorzio. Di questa somma inoltre – continua l’On. Cafeo – circa la metà verrà trattenuta dagli istituti di credito per il recupero di interessi sui prestiti, mentre soltanto 600 mila euro circa andranno effettivamente ai proprietari degli immobili creditori dell’ente”.

“Adesso basta – conclude l’On. Cafeo – siamo stufi di essere trattati in questo modo e chiedo a tutta la deputazione regionale e nazionale, indipendentemente dal colore politico, ai sindaci, ai rappresentanti degli imprenditori e dei lavoratori di fare uno scatto di orgoglio e far sentire insieme la nostra voce, la voce di un territorio che non può più tollerare di essere considerato soltanto un ostacolo da parte di questo Governo regionale”.

Categoria: