governo

Alta tensione tra Lega e M5S, si profila il ritorno al voto

Alta tensione tra Lega e M5S, si profila il ritorno al voto
Scambi di accuse tra gli alleati della maggioranza

Tensione altissima nel governo con la situazione che sembra precipitare, con scambi di accuse tra gli alleati della maggioranza.

"Andiamo subito in Parlamento per prendere atto che non c'è più una maggioranza, come evidente dal voto sulla Tav, e restituiamo velocemente la parola agli elettori" scrive in una nota Salvini.

Nel M5s cresce l'insofferenza per la Lega. Luigi Di Maio: 'La Lega ha preso in giro il Paese; votare subito taglio parlamentari, poi le elezioni. E' una riforma epocale, tagliamo 345 poltrone e mandiamo a casa 345 vecchi politicanti. Se riapriamo le Camere per la parlamentarizzazione, a questo punto cogliamo l'opportunità di anticipare anche il voto di questa riforma, votiamola subito e poi ridiamo la parola agli italiani".

Conte ha visto questa mattina il Capo dello Stato. Si è trattato di un colloquio informativo per fare il punto della situazione. Non si è quindi parlato di apertura di crisi e tanto meno di dimissioni del premier.

Categoria: