Beni culturali

Siracusa, apertura del Castello Eurialo con il presidente della Regione Musumeci

Siracusa, apertura ufficiale del Castello Eurialo: il presidente della Regione Musumeci: "Questi i risultati della nuova governance"
Ad un anno dall'incendio che aveva costretto, per ragioni di sicurezza, a chiudere il sito, oggi la fortezza greca è stata restituita alla pubblica fruizione

Il Castello Eurialo da oggi torna ad essere fruibile per visitatori e turisti.
A mettere il sigillo su un momento importante per i beni culturali del Siracusano il presidente della Regione, Nello Musumeci, insieme all'assessore regionale all'Agricoltuta, Edy Bandiera, alla deputazione regionale siracsana e ai sindaci dei Comuni che ricadono nel Parco archeologico di Siracusa, dell'Eloro e del Tellaro. Insieme loro il direttore del Parco, Calogero Rizzuto e la sovrintendente, Donatella Aprile.
Al Governatore sono stati mostrati gli interventi di pulizia e manutenzione portati a termine nei tempi programmati dagli operai della Forestale in oltre 7 ettari di terreno, dopo l'incendio di un anno fa che ha minato la sicurezza nella fruibilità della fortezza greca.
Soddisfatto il presidente Musumeci per i risultati concreti della nuova governance dei beni culturali siciliani, a partire proprio da Siracusa.

"Il Castello Eurialo - ha detto Musumeci - ritorna a essere un importante attrattore culturale e turistico per tutta la Sicilia. La nuova governance del sistema Parchi, dotati di autonomia finanziaria e organizzativa, comincia a dare risultati, riportando in primo piano siti di straordinaria bellezza che troppo a lungo hanno sofferto. Oltre al Castello Eurialo, penso ad esempio alla Villa romana del Tellaro di Noto, dove sono in corso lavori di manutenzione che ridanno visibilità al sito e ai prossimi interventi per il Museo Paolo Orsi".

Sul fronte della manutenzione il presidente ha detto chiaramente che questo sarà il nodo da sciogliere: "Pensiamo ad interventi della Forestale o se sarà necessario a terzi soggetti".

”Stamattina - ha commentato Fabio Granata, assessore alla Cultura - abbiamo di nuovo potuto ammirare dal Castello il meraviglioso paesaggio che dalle Mura dionigiane va declinando attraverso Tremilia fino al Porto e a Ortigia: proprio quel paesaggio unico che gli speculatori del mattone avrebbero potuto e voluto violare con nuovo cemento e centinaia di nuove costruzioni. Il Parco, istituito con coraggio e decisionismo da Nello Musumeci, blocca definitivamente ogni speculazione e zittisce chi fino alla fine ha cercato di impedirne la Istituzione. Adesso inizia una nuova era per il turismo culturale e per l’economia sostenibile della nostra Città”

Categoria: