conferenza stampa

Siracusa, gli agrumicoltori della Cooperativa Monfalcone Francofonte-Carlentini chiedono aiuto al Prefetto

Siracusa, gli agrumicoltori della Cooperativa Monfalcone Francofonte-Carlentini chiedono aiuto al Prefetto
Dopo il fallimento hanno proposto un piano di rientro delle passività e ora chiedono di poter irrigare i terreni, ma non hanno sin qui ottenuto alcuna risposta

Si dibattono tra gravi difficoltà almeno 150 famiglie di agrumicoltori della Cooperativa Monfalcone Francofonte-Carlentini. Rischiano di rimanere senza fonte di sostentamento dopo il fallimento della cooperativa. Trecento ettari di terreni, 200 dei quali agrumetati e quindi produttori dell'arancia tarocco doc, eccellenza siciliana.
I soci della cooperativa, secondo quanto riferiscono, dopo l'affidamento al curatore giudiziario, hanno proposto un piano di rientro a saldo delle passività, pari a circa 300mila euro, piano che, sempre a loro dire, non sarebbe neanche stato preso in considerazione. Ma questo, riferiscono ancora, non è l'unico problema: a seguito delle alte temperature dell'ultimo periodo, hanno chiesto l'autorizzazione a ad irrigare i campi per non perdere il raccolto. Ma anche in questo caso sono rimesti inascoltati.

"Da qui il sospetto e la paura - dichiara Gaetano Malannino, segretario nazionale di Altragricoltura - che dietro questa vicenda possano esserci altri interessi".

Questa mattina gli agrumicultori sono venuti fino a Siracusa per fare appello alle istituzioni regionali e locali e chiedere al Prefetto di intervenire, ascoltando e loro ragioni e dando risposte alle loro richieste.

Categoria: