già noto

Lentini, vìola limitazioni dimostrando "pericolosità sociale": fermato

Lentini, vìola limitazioni dimostrando "pericolosità sociale": fermato
L'uomo oltre ad aver violato limitazioni personali avrebbe anche occupato abusivamente per poi aggredire il proprietario

Durante il periodo di libertà vigilata avrebbe commesso una serie di reato che hanno portato il Tribunale di Siracusa ad emettere un provvedimento di collocazione alla Misura di Sicurezza Detentiva alla Casa Lavoro di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) per riconosciuta la pericolosità sociale. La Polizia di Stato, ieri, lo ha rintracciato: si tratta di M. E., lentinese, 56 anni, già conosciuto alle forze di polizia per associazione di tipo mafioso.
Oltre a reati come pascolo abusivo, danneggiamento, invasione di terreni, omissione di abbattimento di alcuni capi di bestiame infetti, l'uomo si sarebbe anche reso protagonista di altro grave episodio.
Secondo quanto ricostruito dalla Polizia, il 56enne sarebbe entrato arbitrariamente all’interno di un terreno, ingaggiando una colluttazione con il proprietario a seguito della quale quest’ultimo riportava “ferita lacero contusa del cuoio capelluto”. Per altro lo stesso proprietario del terreno aveva più volte denunciato, in passato, il sottoposto alla misura di sicurezza per aver condotto indebitamente il gregge all’interno della sua proprietà, in pascolo abusivo.

Categoria: