al rinnovo

Donazione organi, Siracusa terza città italiana per cittadini che lo dichiarano nella carta d'identità

Donazione organi, Siracusa terza città italiana per cittadini che lo dichiarano nella carta d'identità
Lo rende noto il sindaco, Francesco Italia, che sui social esprime tutta la sua soddisfazione: "Grazie al grande cuore della nostra comunità"

Ieri è stata celebrata anche a Siracusa la Giornata nazionale della donazione degli organi a cui ha aderito l'Asp aretusea con con iniziative di informazione e promozione organizzate dal Coordinamento Locale Trapianti dell’Azienda diretto da Graziella Basso in condivisione con il CRT Sicilia ed in collaborazione con le associazioni di volontariato AIDO, ANED, ADMO, AVIS, ADVPS e Frates.
Ieri uno stand informativo allestito in Ortigia, Largo XXV Luglio, per offrire ai cittadini chiarimenti e materiale informativo sulla importanza della donazione.
Un'opera importante che negli anni ha portato Siracusa ad essere la terza città italiana per percentuale di cittadini che dichiarano, al rinnovo della carta d’identità, di voler donare gli organi.
Lo rende noto il sindaco, Francesco Italia, che sui social esprime tutta la sua soddisfazione: "Grazie al grande cuore della nostra comunità".

"Quest’ anno - dichiara il coordinatore locale Graziella Basso - si sono raggiunte in Italia oltre 5 milioni dichiarazioni di volontà, una cifra che dimostra come il sistema italiano funzioni e come l’Italia sia un paese generoso.L’anno 2018 si è concluso con 1680 donatori utilizzati, 3718 trapianti e le liste d’attesa includono circa 8700 persone tra cui bambini e adolescenti. Questi numeri raccontano il lavoro complesso di una rete trapiantologica costituita da più di 15 mila professionisti, chirurghi, rianimatori, infermieri e personale tecnico. Testimoniano come migliaia di persone dopo il trapianto continuano a vivere, ad avere figli, a fare sport".

Cinque le modalità previste dalla legge per esprimere la propria volontà: la compilazione del modulo presso l’Asp di appartenenza, presso le sedi Aido, il rilascio del tesserino blu da parte del Ministero della Salute o una delle Donor card distribuite dalle associazioni di settore o un foglio libero da tenere in borsa datato e firmato o, ancora, la dichiarazione di volontà agli Uffici Anagrafe dei Comuni al momento del rilascio o rinnovo della carta d’identità.

Categoria: