dall'ars

Nuovo ospedale Siracusa, Cafeo: "L'Asp ha progetto per struttura di II livello, pronto ad un’alleanza trasversale"

Nuovo ospedale Siracusa, Cafeo: "L'Asp ha un progetto per struttura di II livello, pronto ad un’alleanza trasversale"
“L’obiettivo comune deve essere quello di arrestare la mobilità passiva dei cittadini siracusani che si trovano spesso costretti ad andare a curarsi altrove" - ha detto Cafeo

Novità sulla costruzione del nuovo ospedale di Siracusa. "L'Asp ha pronto un progetto per un nuovo ospedale che potrebbe configurarsi tranquillamente di II livello" - dice l’On. Giovanni Cafeo, Segretario della III Commissione ARS Attività Produttive.

"Si avrebbe cioè a disposizione uno strumento concreto - continua Cafeo - attorno al quale far quadrato per provare a modificare l’impostazione della rete ospedaliera, dimostrando finalmente la maturità politica del territorio; ciò che resta da verificare a questo punto è la congruità del progetto con l’area scelta dal consiglio comunale, frutto sì di tre distinte deliberazioni ma con ogni volta diverse perimetrazioni".

“L’obiettivo comune deve essere quello di arrestare la mobilità passiva dei cittadini siracusani che si trovano spesso costretti ad andare a curarsi altrove, sia nelle vicine Catania o Ragusa sia in altre regioni d’Italia e che provoca uno spostamento di risorse pari a circa 46 milioni di euro – dichiara l’On. Cafeo – immaginando un serio rilancio della sanità siracusana, che coinvolga sia il numero e la tipologia delle strutture disponibili sia soprattutto la qualità dei servizi erogati”.

“La rete ospedaliera è un atto programmatico che può essere modificato – prosegue Cafeo – e sono favorevole a formare una sorta di alleanza pubblica da parte di tutti i parlamentari e della classe dirigente del territorio affinché alla provincia di Siracusa venga ridata la necessaria dignità dal punto di vista della sanità, un’alleanza che però – conclude Cafeo – non può prescindere ad esempio dall’apporto dei Parlamentari 5 Stelle, il cui ministro della Salute ha nei fatti approvato proprio la rete che si vuole invece giustamente modificare”.

Categoria: