dopo la sentenza del tar

Siracusa, elezioni amministrative 2018: ieri la prima riunione in Prefettura. Analizzata la sezione numero 7

Siracusa, elezioni amministrative 2018: ieri la prima riunione in Prefettura. Analizzata la sezione numero 7
I fatti sono che nella sezione 7, la prima analizzata, è stata accertata l'assenza di una scheda, ed incongruenze nei voti per il consiglio comunale

Sarebbe stata accertata l'assenza di una scheda nella sezione 7, e una serie di errori nella compilazione dei verbali alle scorse elezioni amministrative a Siracusa. Questo, in estrema sintesi, l'esito della riunione che si è tenuta ieri in Prefettura, a seguito del ricorso al Tar di Catania presentato da Ezechia Paolo Reale, il candidato che alla prima tornata elettorale non è stato eletto primo cittadino per una manciata di voti.
Un lungo vertice, cominciato alle 10 del mattino e concluso dopo le 18, al quale ha partecipato Reale con i suoi avvocati, e Gianluca Rossitto, legale dell'attuale sindaco Francesco Italia.

Poche le notizie che trapelano dall'estenuante riunione, e tante le interpretazioni. I fatti sono che nella sezione 7, la prima analizzata, è stata accertata l'assenza di una scheda, ed incongruenze nei voti per il consiglio comunale. Se per i legali di Italia si tratta solo di una scheda, frutto di un errore umano possibile dopo oltre 12 ore di spoglio, Reale si appella alla "scheda ballerina", cioè introdotta nell’urna dopo essere stata votata da persone estranee al seggio elettorale. Di questo, però, non c'è nessuna prova.
Al momento è stata aperta la busta con le schede, busta che prima non è mai stata aperta, neanche in sede di Ufficio elettorale centrale, il maxi seggio insediato dopo le elezioni al Palazzo Vermexio, in Aula consiliare, e guidato dal Presidente del tribunale di Siracusa, il dottor Maiorana.

Nonostante la soddisfazione espressa da Reale, convinto che questo sia solo l'inizio di una lunga serie di irregolarità da accertare, bisogna ricordare che si tratta solo di una sezione analizzata, e adesso si passerà alle altre. Ieri, infatti, è stato stabilito un calendario di riunioni per analizzare sezione per sezione, partendo dalle 3 contenute nella sentenza del Tar: 7, 70,82.
Venerdì prossimo si passerà quindi ad esaminare la sezione 70. La verificazione dovrà accertare “il numero complessivo delle schede elettorali autenticate; - così come si legge nella sentenza - il numero dei votanti; il numero delle schede elettorali autenticate e non utilizzate per la votazione; la corrispondenza tra il numero delle schede elettorali autenticate e il numero di quelle scrutinate più quelle autenticate e non utilizzate per la votazione”.

A coordinare i lavori il vice prefetto Giuseppe Sindona.

Categoria: