voto il 7 settembre

Gela, l'ex sindaco sfiduciato fa ricorso al Tar

Gela, l'ex sindaco sfiduciato fa ricorso al tar
Contesta la mancata sospensione della seduta dopo il malore

L'ex sindaco di Gela, Domenico Messinese, ha presentato ricorso al Tar contro la sfiducia votata dal Consiglio comunale il 7 settembre scorso che ne ha sancito la decadenza. Messinese tende a dimostrare l'infondatezza delle accuse politiche e a sancire l'illegittimità della sfiducia votata dal consiglio comunale perché al sindaco non sarebbe stato garantito il diritto di replica.
Messinese, infatti, dopo l'apertura dei lavori consiliari del 7 settembre, fu colto da malore e ricoverato in ospedale da dove fece pervenire una Pec con le proprie dimissioni. Sperava che il consiglio comunale sospendesse i lavori e gli desse la possibilità di un confronto aperto. I consiglieri hanno invece espressamente voluto giungere a votazione. Per tutto questo, nel ricorso proposto contro il Comune di Gela, la Regione Sicilia e i consiglieri comunali, Messinese chiede al Tar l'annullamento della delibera e la sospensione della sua efficacia con il proprio conseguente reintegro nel ruolo e nelle funzioni.

Categoria: