ESTERI

Siria: scintille fra Trump e Macron, Comey attacca il presidente

Macron: operazione riuscita, nostro intervento legittimo

Dopo l'attacco missilistico in Siria, si aprono le prime crepe nell'alleanza fra il presidente statunitense Trump ed il capo dello Stato francese Macron, dopo una lunga intervista di quest'ultimo in Tv alla quale ha replicato - smentendone alcune affermazioni - l'inquilino della Casa Bianca. Torna invece ad esplodere il caso Comey, dopo che l'ex direttore dell'Fbi licenziato da Trump nel 2017 ha rilasciato una lunga intervista alla Abc definendo il presidente "moralmente inadeguato" a ricoprire la propria carica e "pericoloso e ricattabile", rilanciando le accuse di ostruzione alla giustizia.

"L'operazione è riuscita sul piano militare, i missili hanno raggiunto gli obiettivi, è stata distrutta la loro capacità di produrre armi chimiche. E da parte loro non c'è stata nessuna vittima": queste le prime parole del presidente francese, Emmanuel Macron, nell'intervista di circa 2 ore in diretta tv, cominciata sul tema dei raid in Siria. "La decisione di intervenire è stata presa domenica scorsa - ha aggiunto Macron -, 48 ore dopo le prime identificazioni dell'uso di armi chimiche nella Ghuta orientale".

"Abbiamo colpito 3 siti di produzione e trattamento di armi chimiche, identificati da mesi, sono stati colpiti: un sito è stato colpito da noi con gli americani e i britannici, il secondo soltanto dagli americani, il terzo solo dai francesi". "Siamo intervenuti in modo legittimo nel quadro multilaterale".

Poco dopo la portavoce della Casa Bianca ha precisato che "il presidente Trump è stato chiaro affermando che vuole un ritorno a casa delle forze americane in Siria", e si aspetta che i partner regionali e gli alleati degli Stati Uniti "si assumano una maggiore responsabilità sia militare che finanziaria, per mettere in sicurezza la regione".

Nelle stesse ore è tornato a parlare l'ex numero uno dell'Fbi, James Comey, per la prima volta in tv da quando e' stato licenziato dal tycoon, nel maggio del 2017.Donald Trump è "moralmente inadeguato per fare il presidente degli Stati Uniti" e costituisce "un pericolo" per il Paese perchè non ne incarna i valori fondanti e perchè è ricattabile da parte della Russia, ha dichiarato Comey in una attesissima intervista alla Abc rilasciata per promuovere il suo libro di memorie.

Comey ha sferrato uno degli attacchi più duri che si ricordino verso un presidente in carica. Con un affondo anche sul fronte delle indagini condotte dal procuratore speciale Robert Mueller, quando ha parlato di ostruzione della giustizia da parte di Trump: "Certamente c'è qualche prova", ha affermato. E alla domanda se il riferimento sia a quando il tycoon chiese di porre fine alle indagini sull'ex consigliere alla sicurezza nazionale Michael Flynn, Comey ha risposto: "Può darsi".

Categoria: