Colpo di scena

Siracusa, verifiche di sicurezza all'Archia e tornano i doppi turni

Siracusa, si torna indietro all'Archia: verifiche di sicurezza da fare e tornano i doppi turni
“Una decisione incomprensibile - sbotta il sindaco Garozzo - che mi trova assolutamente contrario e che invito a ritirare viste le assicurazioni date ieri”.

La vicenda dell'Archia sembra non trovare soluzione. Dopo l'incontro di ieri mattina al Comune al termine del quale erano stati revocati i doppi turni con la decisione di trasferire una classe alla Martoglio, nel pomeriggio è arrivata la circolare della dirigente dell'Archia che revocava la sospensione dei doppi turni per "consentire l'effettuazione delle verifiche delle condizioni di sicurezza nelle prossime settimane" disposte dal tavolo tecnico con prove di evacuazione. "Tale circostanza - scrive la dirigente - ci consentirà di capire se il maggior numero di utenze che determina l'affollamento è compativile con i sistemi di sicurezza di cui sono dotati i plessi, verificando che il maggior rischio sia assorbito senza maggior aggravio".
Insomma si torna indietro e la situazione diventa di nuovo bollente con i genitori che potrebbero anche oggi decidere di non mandare i propri figli a scuola. E il Comune? Fino a ieri sera non aveva notizie della novità dell'ultim'ora e ancora una volta si ritrova spiazzato da una notizia che non gli è stata neanche comunicata.

“Una decisione incomprensibile, che mi trova assolutamente contrario e che invito a ritirare viste le assicurazioni date ieri”. Il sindaco, Giancarlo Garozzo, commenta così la decisione della dirigente della scuola “Archia” di istituire i doppi turni.
“Su questa vicenda – afferma il primo cittadino – nella quale ci troviamo a risolvere problemi creati da altri, ho sempre taciuto per rispetto delle famiglie e dei bambini, ma non posso accettare che si disattendano in questo modo le cose concordate appena 24 ore fa. Ho detto chiaramente alla dirigente che sono contrario ai doppi turni, per i disagi che provocano alle famiglie, e le soluzioni, come Amministrazione, le abbiamo fornite. Per risolvere il problema della classe in eccesso in via Asbesta, c'è da subito un'aula disponibile alla Martoglio, per la quale devo ringraziare pubblicamente la dirigente Arnone; da gennaio, poi, all'Archia sarà assegnata il nuovo plesso di via Calatabiano”.
Conclude il sindaco Garozzo: “Noi siamo stati interpellati per risolvere il problema di via Asbesta e siamo andati oltre la soluzione richiesta. Se all'Archia ci sono altri esuberi, francamente incomprensibili in un periodo di contrazione della popolazione scolastica, allora le cause vanno ricercate altrove e le conseguenze non possono essere scaricate sul Comune”.

Categoria: